L’Associazione Richard Wagner di Venezia sostiene il progetto documentario condividendone il principio ispiratore “di suscitare l’interesse per l’opera di Richard Wagner, di approfondirne la comprensione e d’incoraggiarne la diffusione artistica”, tanto più accentuati nel bicentenario della nascita del grande compositore tedesco che si celebrano quest’anno, il 2013.

Nel 1946, Ca’ Vendramin Calergi passa al Comune di Venezia, che la adibisce a sede della Casa da Gioco Municipale. Nel 1992, la stanza del piano mezzanino dove Wagner morì  il 13 febbraio del 1883, è affidata all’Associazione Richard Wagner di Venezia (A.R.W.V.)  fondata per iniziativa del suo primo Presidente Giuseppe Pugliese e su invito del Presidente delle Associazioni Internazionali Richard Wagner, Josef Lienhart e per desiderio del Maestro Wolfgang Wagner, nipote di Richard Wagner e già Direttore dei Bayreuther Festspiele (Festival di Bayreuth). L’Associazione vi allestisce uno spazio museale «a perenne memoria del musicista e del suo amore per la città lagunare». Dal 2003, si aggiungono le stanze adiacenti, che ospitano la preziosa Collezione di Josef Lienhart – rari documenti, manifesti, partiture, lettere autografe, quadri, dischi, litografie e altri cimeli – ricevuta in donazione: la più grande collezione privata dedicata al compositore tedesco,dopo quella conservata a Bayreuth. Soci Fondatori dell’A.R.W.V. sono le maggiori istituzioni culturali della città di Venezia.